L’apprezzamento è uno dei pilastri del nostro metodo “Shine your Light” ed è ciò che più velocemente può rimetterci al centro di noi stessi, quando sembra di perdere terreno perché ci sentiamo tirare da una parte o dall’altra, e richieste, aspettative, doveri e responsabilità giocano la loro parte. A lungo andare però, questo modo di vivere può rivelarci i suoi lati negativi attraverso frustrazione, nervosismo, insoddisfazione o addirittura disagi fisici o psicologici ben più accentuati.

Una cosa semplice, che può ancorarci di nuovo a noi stessi, riprendendo una boccata di ossigeno è la pratica (quotidiana 😉 dell’apprezzamento. Apprezzare significa rivolgere pensieri ed emozioni piacevoli ed amorevoli verso qualsiasi cosa, persona, situazione, luogo …

L’apprezzamento può essere applicato praticamente a tutto e tutti ed in pochi attimi trasforma il nostro stato d’animo, perché quando apprezziamo, non possiamo allo stesso tempo detestare o lamentarci di qualcosa: sono vibrazioni opposte.

Qualche minuto al giorno di apprezzamento ci aiuta a ritrovare il nostro terreno e a far fluire amore nella nostra vita e, di conseguenza, in quella degli altri. Spesso apprezziamo senza rendercene conto, ma se iniziamo ad accorgercene, possiamo utilizzare questo strumento consapevolmente anche quando ne abbiamo più bisogno.

Possiamo partire da piccolissime cose, ad esempio quando siamo a letto, possiamo esprimere dei pensieri-emozioni di apprezzamento per il piumone caldo, le lenzuola che ci avvolgono, la morbidezza del cuscino … E sentire nel qui ed ora, quanto questi piccoli e importanti dettagli ci offrano benessere, donandoci sensazioni piacevolissime. Quando piove possiamo apprezzare questo dono dal cielo che bagna tutte le piante, gli alberi, dando loro refrigerio …

Possiamo apprezzare ciò che indossiamo, ciò che mangiamo   ciò che facciamo, le parole che rivolgiamo a qualcuno, la musica che ascoltiamo, i compiti che svolgiamo oggi perché ci facilitano il lavoro di domani … In qualsiasi situazione, possiamo sempre trovare qualcosa da apprezzare, è semplicemente un’attitudine da sviluppare, specialmente se non siamo stati educati ad essere grati alla vita. Ma è soprattutto una questione di pratica: con un po’ di esercizio possiamo diventare sempre più tendenti all’apprezzamento.

Per apprezzare ci dobbiamo fermare un istante per individuare qualcosa di bello, perché anche se può sembrare che non ci sia un bel niente da apprezzare, è questione di pratica,per diventare sempre più abili a dirigere il nostro focus verso ciò che va già bene, verso ciò che ci dà un po’ di sollievo … Non c’è da scoraggiarci se all’inizio tendiamo più a lamentarci che ad apprezzare: l’apprezzamento è come un fiore che necessita del suo tempo per poter sbocciare

Inizia a scrivere quotidianamente il tuo quaderno dell’apprezzamento: soffermati sulle piacevoli sensazioni che provi dirigendo la tua attenzione verso qualcosa di bello, interessante e che migliora la qualità della tua vita!

In questo video poetico vengono mostrate due diverse attitudini: la frustrazione e l’apprezzamento.
La mongolfiera -simbolo di ispirazione come ricorda il nostro libro “Ispirazione, la via illuminata per far volare i desideri”– per poter volare deve essere liberata dalle zavorre che la tengono a terra. Quando tenti di alzarti in volo ma il peso delle zavorre simbolicamente ti riporta a terra, vivi un senso di frustrazione perché vorresti liberarti da zavorre e corde che ti tengono giù impedendoti di spaziare nel cielo dei desideri.
Un invito a lasciare andare dubbi, incertezze e paure che rischiano di non far volare mai i desideri del cuore.
Per far trionfare la voglia di partire liberi verso ciò che si desidera, verso uno spazio aperto che delinea un nuovo panorama e che conduce verso quello che vogliamo veramente.

EnglishItaly

Pin It on Pinterest

Share This

Share the love

Condividi se ti è piaciuto!